Tags: Studio Oculistico Dott. Alfonso Anania, cataratta, chirurgia cataratta, facoemulsificazione, operazione di cataratta, microchirurgia oculare, lente intraoculare, lenti premium, prk, lasik, ilasik, chirurgia refrattiva,  operazione occhi, intervento laser, intervento di miopia, astigmatismo, glaucoma, trabeculectomia, cross linking corneale, cheratocono, astigmatismo, esami oculistici, topografia corneale, mappa corneale, laser retinico, maculopatia, degenerazione maculare, iniezioni intravitreali, retinopatia diabetica.

Studio Oculistico Dott. Alfonso Anania

Home maculopatie retinopatia diabetica distacco di retina


Il distacco di retina   

La retina è un sottile strato di tessuto sensibile della luce, posto sulla parete più interna dell'occhio.

La neuroretina (costituita dai fotorecettori e tutte le cellule nervose che permettono la trasmissione del segnale visivo) aderisce allo strato dell'epitelio pigmentato, che permette il passaggio di materiali di nutrimento dalla sottostante coroide e collabora al metabolismo fotorecettori.

Il Distacco di retina è una condizione patologica dell'occhio in cui la neuroretina si stacca dallo strato sottostante dell'epitelio pigmentato. Il distacco iniziale può essere localizzato, ma senza un trattamento rapido l'intera retina può staccarsi, con conseguente perdita della vista. Si tratta di una emergenza medica. 

        


Occasionalmente, il distacco del vitreo posteriore, lesioni o traumi agli occhi o alla testa possono provocare un piccolo strappo nella retina. Lo strappo permette al fluido vitreale di penetrare attraverso di esso sotto la retina, e di sollevarla. 

A seconda della patogenesi, si distinguono diversi tipi di distacco di retina:

  • Distacco di retina regmatogeno (rotture da trazione vitreoretinica)

  • Distacco di retina post-traumatico

  • Distacco di retina trazionale (retinopatia diabetica proliferante)

  • Distacco di retina secondario (sieroso da neoformazione sottoretinica)

Distacco retinico regmatogeno: si verifica a causa di una rottura della retina che permette al fluido di passare dallo spazio vitreale nello spazio sottoretinico tra la retina sensoriale e l'epitelio pigmentato retinico. L e rotture retiniche sono suddivise in tre tipologie - fori, rotture e dialisi. I fori si formano a causa di aree di atrofia della retina soprattutto in uno spazio di degenerazione a palizzata. Le rotture sono dovute alla trazione vitreoretinica. Le dialisi che sono molto periferiche e circonferenziali possono essere sia trazionali che atrofiche; la forma atrofica più spesso interviene nelle dialisi idiopatiche dei giovani.
Distacco essudativo, distacco sieroso, o secondaria della retina - Un distacco essudativo di retina si verifica a causa di anomalie infiammazioni, lesioni vascolari, e si traduce in accumulo di liquido sotto la retina, senza la presenza di un foro, strappo o rottura. Anche se raro, il distacco di retina essudativo può essere causato dalla crescita di un tumore dello strato di tessuto sottoretinico, ossia la coroide. Il tipo di tumore più frequente è il melanoma della coroide.
Distacco retinico trazionale - Un distacco della retina trazionale si verifica quando tessuti fibrosi o fibrovascolari anomali, causati da un'infiammazione, un trauma, o una neovascolarizzazione, tirano la retina sensoriale distaccandola dall'epitelio pigmentato retinico.
Una minoranza di distacchi di retina risultato da traumi, tra cui contusioni orbitarie, traumi penetranti, e contusioni al capo.

Frequenza del distacco retinico:

L'incidenza di distacco di retina in occhi apparentemente sani è di circa 5 nuovi casi su 100.000 persone all'anno. Il distacco è più frequente nelle popolazioni di mezza età e negli anziani, con tassi di circa 20 su 100.000 per anno.
Il distacco di retina è più comune nelle persone affette da miopia grave (sopra 5-6 diottrie), in cui la retina è più sottile e tesa. In tali pazienti, il rischio nel corso della vita sale a 1 su 20. Circa i 2/3 dei casi di distacco di retina si verificano in miopi. I pazienti miopi tendono ad avere un distacco di retina in età più giovanile rispetto ai non miopi.
Il distacco di retina è più frequente dopo un intervento chirurgico per cataratta. La stima a lungo termine della prevalenza del distacco di retina dopo intervento di cataratta è nel range da 5 a 16 per 1000 interventi di cataratta, ma è molto più alta nei pazienti che sono molto miopi, con una prevalenza fino al 7% segnalata in uno studio. Uno studio ha trovato che la probabilità di avere un distacco di retina nei 10 anni successivi alla chirurgia della cataratta può essere di circa 5 volte superiore a quella in assenza di intervento. 
Un distacco trazionale della retina può verificarsi in pazienti con retinopatia diabetica proliferante o in quelli con retinopatia proliferativa da anemia falciforme. Nella retinopatia proliferante, vasi sanguigni anormali (neovascolarizzazione) crescono all'interno della retina e si estendono nel vitreo. Nello stadio avanzato della malattia, i vasi possono separare la retina dalla parete posteriore dell'occhio, portando a distacco di retina trazionale.
Anche se il distacco di retina si verifica di solito in un solo occhio, c'è una probabilità del 15% che esso si possa sviluppare anche nell'altro occhio, e questo rischio aumenta al 25-30% nei pazienti che hanno avuto intervento di rimozione della cataratta in entrambi gli occhi.

Sintomi :

Un distacco di retina è comunemente preceduto da un distacco del vitreo posteriore che dà origine a questi sintomi:

  • lampi di luce (fotopsie) - come flashes nella estrema periferia (al di fuori del centro), del campo visivo
    un improvviso drammatico aumento  del numero di corpi mobili
    un anello di corpi mobili, come capelli, solo nel lato temporale della visione centrale
    una leggera sensazione di pesantezza agli occhi
    Sebbene la maggior parte dei distacchi di vitreo posteriore non progrediscano verso un distacco della retina, quelli che producono i seguenti sintomi:

  • un'ombra densa che inizia nella visione periferica e lentamente avanza verso parte centrale
    l'impressione che un velo o una tenda occupi il campo visivo

  • linee rette (scala, bordo della parete, strada, ecc) che improvvisamente appaiono curve (positività al test della griglia di Amsler).

  • perdita visiva centrale

    Il trattamento di distacco retinico

  • Ci sono diversi metodi di trattare un distacco della retina, ciascuno dei quali consiste fondamentalmente nel trovare e chiudere le rotture che si sono formate nella retina. Tutte e tre le procedure seguono tre principi generali:

    1. Trovare tutte le rotture retiniche
    2. Sigillare tutte le rotture retiniche
    3. Ridurre le trazioni vitreoretiniche

 
Criopessia e fotocoagulazione laser : la crioterapia (mediante congelamento) o la fotocoagulazione laser sono a volte usate da sole per arginare e isolare una piccola area di distacco di retina in modo che il distacco non si diffonda.
 

Chirurgia sclerale: la chirurgia sclerale è un trattamento in cui il chirurgo posiziona intorno all'occhio una o più bande in silicone. Queste "cinghiette" spingono la parete dell'occhio verso l'interno contro il foro retinico, chiudendo la rottura, annullando il flusso del fluido attraverso di essa e riducendo l'effetto di trazione vitreale che consente in tal modo alla retina di riattaccarsi. Crioterapia (congelamento): viene applicata in corrispondenza delle rotture retiniche prima del posizionamento della fibbia. Il fluido sottoretinico viene drenato per mezzo di una puntura cosiddetta evacuativa. La fibbia rimane in situ. L'effetto collaterale più comune dopo un'operazione di distacco retinico è l'aumento della miopia assiale determinata dall'allungamento dell'occhio. Ossia l'occhio operato sarà più miope dopo l'operazione.
 

Pneumoretinopessia: questa operazione viene generalmente eseguita in ambulatorio in anestesia locale, per i casi di distacco retinico nei quadranti superiori dell'occhio. E 'un altro metodo di riparazione di un distacco di retina in cui viene iniettata una bolla di gas (SF6 o C3F8 gas) nell'occhio dopo di che un trattamento laser o una criotrattamento viene applicato in corrispondenza del foro retinico. La testa del paziente viene poi posizionato in modo che la bolla spinga contro il foro retinico. Ciò permette all'epitelio pigmentato retinico di indurre una aderenza della retina sovrastante.  

 

Vitrectomia: è un trattamento sempre più utilizzato per il distacco di retina. Consiste nella rimozione del gel vitreale e di solito prevede il riempimento della camera vitreale con una bolla di gas (SF6 o C3F8 gas) o olio di silicone. Un vantaggio dell'utilizzo del gas in questo tipo di intervento è che non c'è nessuna induzione di miopia dopo l'operazione e il gas viene riassorbito in poche settimane. L'olio di silicone (PDMS), ha bisogno di essere rimosso dopo un periodo di 2-10 mesi a seconda delle preferenze del chirurgo. L'olio di silicone è più comunemente usato nei casi di distacco retinico associati a vitreo-retinopatia proliferativa (PVR). Uno svantaggio è che una vitrectomia porta sempre ad una più rapida progressione della cataratta nell'occhio operato. In molti Centri Oftalmologici la vitrectomia è l'operazione più comunemente eseguita per il trattamento del distacco di retina.
 

Risultati della Chirurgia: l'85% dei casi vengono trattati con successo con una sola operazione, il restante 15%  richiedono 2 o più operazioni. Dopo l'intervento i pazienti recuperano gradualmente la loro visione nell'arco di alcune settimane, anche se l'acuità visiva potrebbe non essere così buona come lo era prima del distacco, soprattutto se la macula è stata coinvolta. Tuttavia bisogna considerare che, se non trattato, il distacco retinico può portare alla cecità completa dell'occhio interessato, nel giro di pochi giorni.


Home • maculopatie • retinopatia diabetica • distacco di retina

Tags: studio oculistico, cataratta, chirurgia cataratta, facoemulsificazione, microchirurgia oculare, lente intraoculare, lenti premium, prk, lasik, ilasik, chirurgia refrattiva, operazione di cataratta, operazione occhi, intervento laser, intervento di miopia, astigmatismo, glaucoma, trabeculectomia, cross linking corneale, cheratocono, astigmatismo, esami oculistici, topografia corneale, mappa corneale, laser retinico, maculopatia, degenerazione maculare, iniezioni intravitreali, retinopatia diabetica.